Disinfestazione Mosche a Rimini.

La mosca portatrice diretta e indiretta di malattie

Combattere le mosche è necessario non solo perché fastidiose, questi insetti sono veicolo di serie malattie. Leggete questo piccolo compendio fornito dal nostro staff di Disinfestazioni mosche a Rimini.

La Disinfestazione Mosche a Rimini è necessaria qualora vi sia una presenza di insetti superiore a quella che si può combattere con i rimedi naturali come, le piante di geranio, la citronella o altri comuni metodi casalinghi.

La disinfestazione mosche va attuata tempestivamente in quei luoghi dove si trova il focolaio, come i bidoni dell’immondizia o dove sono presenti cumuli di materiale in putrefazione. Oltre a dare molto fastidio per la loro tendenza ad aggregarsi e la difficoltà ad essere cacciate via, le mosche possono essere vettori di gravi malattie (tifo, colera, shigellosi, tubercolosi, antrace, infezione degli occhi e vermi endoparassiti). La mosca può diffondere malattie con le sue secrezioni o con le feci che deposita in maniera costante ed ovunque visto la grande quantità di cibo che ingerisce. Il substrato organico dove depositano le uova diventa un pericolosissimo ricettacolo di germi perché è stato accertato che gli insetti riescono a trasportare circa 26 milioni di batteri. La mosca, appartenente all’ordine dei ditteri, non va sterminata solo per il fastidio che arreca, ma anche per una questione di salute. L’insetto si riproduce in numerose specie e la sua fase di metamorfosi comincia dalla schiusa delle uova, che generano larve, poi pupe ed infine soggetti adulti.

moscheLe uova vengono depositate su diversi elementi esistenti nell’ambiente che ci circonda come le masse letamiche in fermentazione o rifiuti alimentari oramai in putrefazione.

La mosca ha la fama di essere una cattiva volatrice, tuttavia, nei suoi brevi tratti apporta notevoli danni. Inoltre, esiste la possibilità che avvenga un trasporto definito

‘anemofilo‘, ossia causato da vento e non sono rari i casi in cui, si sono verificate nuove infestazioni, in zone rigorosamente sanificate.

Le mosche, nella loro continua ricerca di oggetti su cui posarsi, sono portatrici di numerose malattie anche letali come il tifo, la peste o il colera.

Il substrato organico dove depositano le uova diventa un pericolosissimo ricettacolo di germi perché è stato accertato che gli insetti riescono a trasportare circa 26 milioni di batteri.

La mosca, appartenente alla famiglia dei ‘ditteri’, non va sterminata solo per il fastidio che arreca ma anche per una questione di salute. L’insetto si riproduce in numerose specie e la sua fase di metamorfosi comincia dalla schiusa delle uova, che generano larve, poi pupe ed infine soggetti adulti.

Le uova vengono depositate su diversi elementi esistenti nell’ambiente che ci circonda come le masse letamiche in fermentazione o rifiuti alimentari oramai in putrefazione.

La mosca ha la fama di essere una cattiva volatrice, tuttavia, nei suoi brevi tratti apporta notevoli danni. Inoltre, esiste la possibilità che avvenga un trasporto definito ‘anemofilo‘, ossia causato da vento e non sono rari i casi in cui, si sono verificate nuove infestazioni, in zone rigorosamente sanificate.

Sul nostro territorio ci sono diverse varietà di mosche anche se la più comune è quella domestica che vive ovunque. Il suo torace è grigio e diviso da quattro fasce scure, il torace si presenta bruno e, a riposo, le ali appaiono leggermente divaricate.

Questo tipo di insetto, pur compiendo voli brevi, ha una velocità di spostamento molto rapida e passa repentinamente, da escrementi a sostanze alimentari. La specie ha una capacità di prolificazione davvero alta, tanto è vero che la femmina depone dalle 100 alle 150 uova in un posto e, appena tre giorni dopo, può depositarne lo stesso numero in un altro.

In una settimana riesce addirittura a deporre più di 1000 uova, specialmente sulle sostanze organiche in modo che le larve possano alimentarsi fin dalla nascita.

Un altro tipo di mosca spesso presente nelle nostre abitazioni è la ‘Fannia canicularis, è facile vederla nelle nostre abitazioni che vola intorno alle lampade dalla primavera all’autunno.

Un’altra mosca è la‘Stomoxis calcitrans‘, o mosca cavallina simile alla mosca domestica, ma di dimensioni maggiori e con apparato pungente – succhiante. Tipica presenza negli allevamenti e nelle aziende agricole, questa mosca può pungere qualsiasi mammifero incluso l’uomo. Oltre a diffondere malattie, può causare danni economici all’allevatore in quanto può causare anemia e perdita di peso al bestiame e riduzione della produzione del latte.

La mosca verde o Lucilia sericata si riconosce per il verde metallizzato, i grandi occhi composti rosso – marrone, le corte antenne e l’apparato boccale di tipo succhiatore.

Essa depone le uova fecondate sulle carcasse, ma anche sulle piaghe degli animali vivi o negli orefizi naturali, causando a volte gravi disturbi.Abbondano dove ci sono

residui alimentari in putrefazione come nei pressi delle pescherie o dei mattatoi e depongono le uova sulle sostanze proteiche e persino sui topi morti.

Infine è bene menzionare la mosca carnaria (Sarcophaga carnaria) perchè ha la particolarità di essere vivipara cioè non depone uova, ma direttamente larve nella carne in putrefazione o animali malati, in modo tale che, una volta attive, possano nutrirsi di cibo. Nel caso in cui invece si voglia agire leggi la guida su come eliminare le larve di mosca carnaria.

Per qualunque informazione per una disinfestazione da mosche in tutta la provincia di Rimini contattateci senza impegno.

Manderemo, sul posto, i tecnici laureati della nostra ditta di Disinfestazione Rimini, che vi proporranno il metodo di intervento più adatto alle vostre esigenze. Garantiamo assistenza continua!!!

Richiedi unpreventivo, è gratuito e senza impegno.

Per qualunque info su modalità e costi per una disinfestazione da mosche in tutta la provincia di Rimini contattateci senza impegno.

Chiudi il menu
 
 
CHIAMA SUBITO 3285383841
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

3285383841