Puntura cimici dei letti, infestazione, contagio

Puntura cimici dei letti, infestazione, contagio.

Saper individuare le cimici dei letti è fondamentale per eliminare questo parassita in modo efficace e prevenire una futura infestazione. Questi infestanti sono infatti piuttosto fastidiosi poiché possono invadere alcune zone specifiche della casa, ovvero le stanze da letto, all’interno delle quali provocano delle punture durante il riposo notturno. Individuare le tracce lasciate da questo insetto è indispensabile per accertarsi della loro presenza ed intervenire in modo adeguato.

Le punture delle cimici dei letti

Il primo segnale che indica la presenza delle cimici da letto sono proprio le punture. Ritrovarsi infatti delle punture sulla pelle può significare che il letto sul quale si riposa è infestato dalle cimici. Nella maggior parte dei casi però questo fenomeno viene sottovalutato poiché le punture delle cimici vengono confuse con quelle di altri insetti. Quindi come si fa a capire se la puntura è stata provocata dalle cimici o da un altro infestante? Individuare questo parassita in base alle punture è in realtà molto complesso poiché la pelle può manifestare reazioni differenti a seconda del soggetto. Se si tratta di un’infestazione iniziale, è molto probabile che non venga percepita alcuna puntura o altri sintomi come irritazione e prurito. La conferma effettiva della presenza di cimici da letto è proprio la frequenza delle punture: se queste si verificano molto spesso è probabile che il letto sia infestato dalle cimici. Al contrario delle punture delle zanzare, in genere le punture delle cimici non svegliano il soggetto colpito e possono attaccare varie zone del corpo prediligendo quelle dove i vasi sanguigni sono facilmente raggiungibili. Inoltre, la cimice può pungere ripetutamente sulla stessa parte del corpo, in altri casi possono manifestarsi frequentemente in zone differenti. Pertanto, analizzando le punture, le zone in cui si manifestano e risalire all’orario in cui avviene questo fenomeno permette di riconoscere un’infestazione da cimici da letto. In seguito alla puntura di questo infestante, la pelle può manifestare svariate reazioni allergiche come prurito eccessivo, irritazione e arrossamenti, talvolta anche gravi. Oltre a queste sintomatologie, può anche presentarsi gonfiore cutaneo, soprattutto per i soggetti con pelle sensibile. Le zone più colpite sono collo, braccia, mani, gambe o busto ma possono anche attaccare altre parti del corpo.

Vedi anche  Punture di pulci

Cosa fare in caso di puntura cimici dei letti

Prevenire un’infestazione di cimici dei letti è il primo passo per evitare di imbattersi nelle loro fastidiose punture e dormire sonni tranquilli. Se la puntura dovesse provocare dolore è bene rivolgersi immediatamente al proprio medico curante.
Le cimici dei letti non rappresentano un rischio per la salute dell’uomo in quanto non trasmettono malattie infettive, tuttavia ogni individuo può reagire in modo differente.
È possibile intervenire sulle punture in modo semplice e senza particolari complicazioni: anche in caso di una forte reazione allergica non c’è bisogno di preoccuparsi della trasmissione di virus o malattie infettive. Se le punture sono di lieve entità non occorre nemmeno trattarle.
In caso di eruzioni gravi o prurito eccessivo è bene rivolgersi subito ad un medico che saprà indicare il trattamento adeguato.
applicare creme specifiche sulla pelle;
assumere antistaminici per attenuare la sensazione di prurito;
Puntura cimici dei letti

assumere antibiotici in caso di eruzioni cutanee e gonfiore.

Come eliminare le cimici dei letti

Per eliminare le cimici dei letti è possibile adottare dei rimedi specifici, ad esempio passando l’aspirapolvere accuratamente su tutta la superficie del materasso e lungo la struttura del letto in modo tale da aspirare il parassita. Un altro rimedio utile è quello di utilizzare un elettrodomestico a vapore per le pulizie domestiche che può garantire ottimi risultati. Per eseguire una corretta disinfestazione da cimici dei letti è bene igienizzare tutti i tessuti che possono essere contagiati ad una temperatura superiore a 50°, in modo tale da eliminare eventuali uova.
Bisogna comunque tenere presente che in caso di infestazione da cimici, queste soluzioni fai da te e la sanificazione dell’ambiente potrebbero non essere sufficienti, pertanto il problema potrebbe ripresentarsi in futuro.
che saprà risolvere il problema grazie all’utilizzo di insetticidi non nocivi per l’uomo e sistemi specifici ad aria calda (oltre ai 50°) per debellare i parassiti e le loro uova. Se invece si tratta di una lieve infestazione da cimici dei letti, in questo caso i metodi fai da te potrebbero comunque funzionare e garantire i risultati desiderati.

Vedi anche  Come allontanare i piccioni
Chiudi il menu
 
 
CHIAMA SUBITO 3285383841
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

3285383841